Category Archives: Gorizia

Sanità. Perazza: Stiamo toccando il fondo, non lasceremo che si continui a impoverire la sanità pubblica

“Adesso basta, abbiamo toccato il fondo, la realtà non può più essere taciuta. Non lasceremo che si continui a impoverire la sanità isontina e a mortificare i suoi operatori ”. Questo l’allarme lanciato da Franco Perazza e da Paolo Fogar, rispettivamente responsabili Sanità e Sociale della Segreteria provinciale del Partito Democratico. A far scattare i due dirigenti è stato il comunicato apparso lunedì scorso nel reparto di ortopedia del presidio ospedaliero di Gorizia, in cui si avvertiva che “a causa della continua mancanza di personale, la segreteria degli ambulatori di ortopedia rimarrà chiusa sine die”. Ultimo anello di tanti segnali, come lo è il grido di allarme proveniente dall’ambulatorio pediatrico di Monfalcone, così come dalla maggioranza dei servizi, ma che solo i vertici aziendali pare non sentano. Nessuna novità dunque ma solo “l’evidenza della drammatica carenza di personale dei nostri servizi sanitari più volte denunciata, ma sempre negata dai vertici aziendali attraverso roboanti annunci di investimenti e dichiarazioni rassicuranti” che questo ultimo episodio smaschera impietosamente. Questi,  secondo i dirigenti, non sono altro che i primi effetti derivanti da una riforma sanitaria che ha come principale intento quello “di impoverire il territorio isontino e di avviare una  privatizzazione forzata del nostro Servizio Sanitario Regionale dopo averlo ridotto allo stremo”. Questa tesi trova conferma  nell’affidamento di parte del lavoro del Pronto Soccorso a Monfalcone dove appare evidente la strategia di logoramento di un servizio per poi intervenire non assumendo il personale necessario ma affidandolo al privato convenzionato. “Il Partito Democratico provinciale non permetterà che la riforma sanitaria del Centrodestra distrugga il patrimonio di competenze e professionalità dei nostri operatori e  che trasformi i cittadini dell’isontino in una categoria di utenti di serie B rispetto a quelli residenti in altri territori più forti”.

PD nazionale esprime solidarietà al circolo di Gorizia

“Esprimo a nome di tutto il Partito democratico la massima solidarietà e vicinanza al Pd di Gorizia vittima di un vile atto intimidatorio. Il Pd di certo non si farà intimorire da questi gesti ignobili, che nulla hanno a che fare con il civile confronto e la democrazia. Certi che le Forze dell’Ordine faranno chiarezza su quanto avvenuto, noi porteremo avanti in maniera sempre più determinata le nostre idee e la nostra agenda per una società migliore basata sulla democrazia, il rispetto, la legalità e ispirandoci come sempre ai valori della nostra Costituzione. Abbiamo in tal senso aderito convintamente alla campagna nazionale“Odiare ti costa”, che ha già raccolto più di 20 mila adesioni, con l’obiettivo di dissuadere gli odiatori seriali che in rete seminano risentimento e insulti”.

Così in una nota Stefano Vaccari, responsabile Organizzazione del PD nazionale. Di preoccupante atto intimidatorio ha parlato anche il Segretario regionale Cristiano Shaurli, che si è subito sincerato dell’accadimento.

Nella mattinata di ieri, infatti, nella cassetta delle lettere della sede PD, è stato rinvenuto un topo morto. L’episodio, definito “inquientante” dall’ex assessore Oliviero Furlan, che ha rinvenuto il fatto, è stato segnalato alle forze dell’ordine.

Fasiolo: Il caso Garante-Controllore del mondo della scuola, come il leggendario siracusano Orecchio di Dionisio.

“Quando la famiglia ha lamentele da esprimere sulla docenza, su un’ ipotizzata lesione dei diritti dei figli sottratti ad un’istruzione “democratica”, può e deve riferirsi alla scuola stessa, erogatrice dei servizi: il dirigente scolastico, responsabile del corretto e buon andamento della scuola, del processo insegnamento apprendimento, garante della positività del clima delle classi e dell’intera comunità scolastica, sarà la persona con la quale interloquire, dopo aver cercato soluzione ad eventuali problemi intervenuti o intervenienti, con il docente, i docenti, il consiglio di classe, e gli altri organismi o figure professionali a ciò deputati”, lo ricorda Laura Fasiolo, già senatrice PD e membro della direzione regionale, intervenendo sul caso determinato dalle dichiarazioni, fortemente stigmatizzate dal Partito Democratico, del sindaco di Monfalcone Anna Maria Cisint, sull’eccessiva presenza di “insegnanti di sinistra” nella scuola.
“Il ruolo del Garante dei diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza, voluto per il Comune di Monfalcone dal Sindaco Cisint – continua Laura Fasiolo – fa intravvedere l’introduzione di una figura le cui funzioni sarebbero di vera e propria ingerenza nel mondo della scuola, un novello siracusano Orecchio di Dionisio, in grado di intercettare i docenti Troppo di sinistra. Il che lascia sbigottiti. Al Garante spetta occuparsi invece delle problematiche concernenti famiglia e minori avvalendosi di tutti gli strumenti normativi, nazionali ed internazionali, diretti a realizzare l’esclusivo interesse e tutela dell’infanzia e adolescenza, partecipare alla attenuazione della conflittualità familiare, supportare il minore nel corso dei processi di separazione, divorzio e affidamento, occuparsi dei casi di minori vittime di violenza domestica, partecipare ai tavoli regionali e nazionali.”
“Ma entrare nel “secretum”, nella “riservatezza” delle segnalazioni di adolescenti e famiglie sulle tematiche dell’insegnamento, come evidenziato in questi giorni nei social e sui quotidiani, NO, non ci sta proprio. Calpestare attraverso l’ interpretazione smisuratamente allargata della figura del Garante, principi costituzionali, non è ammissibile, né dirlo, né pensarlo. Dalla potestà di ascolto “ riservato” alla delazione, al controllo di Stato sull’insegnamento, il passo è breve. Una trovata creativa per intimidire la docenza e sferrare un colpo all’articolo 33 della Costituzione, primo comma.? Non ci posso credere. È tuttavia buona cosa ricordare che l’art.33 così recita: “ l’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento”. Ma si corre pure il rischio di stravolgere il DPR 275, il Regolamento sull’ autonomia delle istituzioni scolastiche (L.59 , 15 marzo 1999), che sull’ art.33 si fondano. L’ art. 1 ( Natura e Scopi dell’Autonomia delle Istituzioni Scolastiche) c.2 così recita: 2. L’autonomia delle istituzioni scolastiche e’ garanzia di liberta’ di insegnamento e di pluralismo culturale e si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana, adeguati ai diversi contesti, alla domanda delle famiglie e alle caratteristiche specifiche dei soggetti coinvolti, al fine di garantire loro il successo formativo, coerentemente con le finalita’e gli obiettivi generali del sistema di istruzione e con l’esigenza di migliorare l’efficacia del processo di insegnamento e di apprendimento. “
Sia chiaro, caro Sindaco, lo Stato e men che meno un Sindaco, non possono INTERFERIRE sulla libertà di insegnamento che consente al docente di svolgere la propria attività senza vincoli di natura politica, religiosa, ideologica, salvo l’obbligo di rispettare le opinioni degli studenti. Rispetto che va coniugato con professionalità, libertà, democrazia. Compiti del Garante. Ben più alti e nobili, graziaddio”.