#Lavoro #Sanità #Sociale #Comunità

#Lavoro #Sanità #Sociale #Comunità

#Ambiente #Isonzo #Gorizia

#Ambiente #Isonzo #Gorizia

Aeroporto: cosa sta succedendo?

GORIZIA – Cosa sta succedendo alla società consortile che gestisce l’Aeroporto Duca d’Aosta? L’interrogativo preoccupato è del capogruppo del PD in Consiglio comunale, Marco Rossi, che ha seguito da vicino la situazione dell’aeroporto di Gorizia negli ultimi mesi. «La società è salva grazie all’impegno trasversale di tutto il Consiglio comunale preso a dicembre, ma da allora le novità emergono quasi per caso o grazie a interrogazioni dei Consiglieri, mentre sarebbe necessaria ben altra trasparenza. Quasi per caso, dal sito del Comune e della società consortile, ho appreso del bando pubblicato il 6 febbraio, fino al 20 febbraio, per i nuovi addetti antincendio e un nuovo direttore. Il tutto mentre si attende quel nuovo Piano industriale che dovrebbe consentire la eventuale ricapitalizzazione della società e le risorse “promesse” (non si capisce bene come, quante e quando) dalla Regione».
«E che ne è del bando per un nuovo direttore? Non è chiaro e, a distanza di una decina di giorni dalla scadenza che, evidentemente, doveva essere particolarmente urgente visto che il bando è rimasto pubblicato per appena 14 giorni, non è pubblico l’esito dello stesso».
Il consigliere Rossi si dice preoccupato e chiede maggiore trasparenza: «Non vorrei che su tutta la vicenda piombi una sorta di catalessi che anticipi l’eutanasia dell’ennesimo importante patrimonio della nsotra città: perché troppe volte non si fa nulla per mesi fino a che è troppo tardi: non può e non deve succedere di nuovo! »
«La mia preoccupazione è circa l’effettivo impegno e le effettive prospettive di successo dell’azione di rilancio dell’aeroporto che tutto il Consiglio comunale ha auspicato a dicembre con una forte iniziativa partita proprio dai capigruppo. Serve un nuovo Piano industriale per l’aeroporto in tempi brevi, e serve garantire la continuità dell’attività aeroportuale e il “ripopolamento” degli hangar. Non da ultimo, servirebbe un maggiore coinvolgimento di tutto il mondo associativo che, anche in passato, ha svolto egregia attività sull’aeroporto e una maggiore trasparenza e informazione al Consiglio comunale».

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *