Tag Archives: Economia

Intervento di Marco Rossi relativo agli orari di apertura del Mercato Coperto

Nella seduta del Consiglio comunale di lunedì 12 marzo il nostro capogruppo Marco Rossi ha svolto un’interrogazione sugli orari di apertura del Mercato Coperto: dal 1° febbraio l’orario è stato infatti spostato dalle 7 alle 7.30 e diversi esercenti hanno lamentato questa scelta. Chi l’ha deciso e perché? L’Assessore Sartori al quale abbiamo rivolto l’interrogazione ha promesso di chiarire presto come è stata assunta questa decisione che, al momento, sembra essere senza “genitori”, ovvero non si sa bene perché e come sia stata presa. Riusciremo a saperne di più? Il mistero intanto continua…

 

Qui sotto il testo dell’interrogazione di Marco Rossi, capogruppo PD in Consiglio comunale.

 

All’Assessore ai Mercati, SARTORI
Oggetto: orario di apertura del Mercato Coperto
 
A decorrere dal 1° febbraio 2018 l’orario di apertura del Mercato Coperto è stato posticipato dalle ore 7.00 alle ore 7.30.
Di tale fatto diversi esercenti comunicano di non essere stati informati adeguatamente né in riguardo al cambiamento d’orario né peraltro circa le ragioni dello stesso né infine di aver sollecitato alcuna modifica di orario. Addirittura, alcuni esercenti sostengono, e lo riporto a titolo di ipotesi alquanto bizzarra tanto più se corrispondente al vero, che il cambio di orario sarebbe dovuto ad un mero errore materiale.
A tal proposito, va evidenziato che:
      Negli esercizi all’interno del mercato e quelli rivolti all’esterno trovano lavoro 78 persone; il Mercato è una delle strutture simbolo del centro storico cittadino e lo stesso Consiglio comunale ha più volte dibattuto circa la necessità di valorizzarlo anche dal punto di vista architettonico.
      Con l’arrivo della primavera – per ovvie ragioni di luminosità – risulta tanto più agevole un’apertura del Mercato ad un orario anticipato.
In un articolo riportato dal quotidiano Il Piccolo il 15 febbraio scorso, l’assessore afferma (la citazione è virgolettata sulla stampa): “La decisione comunque sarà stata presa per delle precise richieste. Probabilmente gli uffici avranno fatto fronte a delle esigenze che saranno pervenute loro”.
Chiedo pertanto:
a.    Da chi è stata assunta la decisione circa il cambio di orario di apertura e quali gli estremi dell’atto?
b.    Quali sono le motivazioni alla base della decisione? 

Zes e rilancio economico di Gorizia: appuntamento domani mattina

Domani mattina, alle ore 11.30, c/o il Gorizia Palace Hotel si terrà un appuntamento sul tema del rilancio economico del territorio ed in particolare modo dello strumento ZES.

Tra i relatori: la Sen. Laura Fasiolo, l’europarlamentare Isabella De Monte, il Sottosegretario Ministero dell’Economia e Finanze Pier Paolo Baretta, Marco Rossi segretario provinciale del Partito Democratico ed infine il candidato Roberto Collini – Sindaco.

Pipistrel, interrogazioni di Brandolin e Fasiolo

I parlamentari del PD Giorgio Brandolin e Laura Fasiolo hanno presentato due interrogazioni, rispettivamente alla Camera e al Senato, sulla situazione della Pipistrel.

In particolare Brandolin  – ricordando che dalla fine del 2014 ad oggi lo stabilimento in costruzione a Savogna d’Isonzo (GO) è stato oggetto di diversi attacchi vandalici, ha interrogato il ministro dell’Interno, il 9 gennaio 2017, sulla possibilità che “il fatto, già grave in quanto diretto verso una nuova realtà imprenditoriale molto importante per il territorio, non sia aggravato da una componente nazionalistica e razzista vista la provenienza slovena dell’azienda e del titolare, elemento particolarmente preoccupante in una zona come quella goriziana che dovrebbe fare della collaborazione transfrontaliera il suo punto di forza”.

La senatrice Laura Fasiolo ha presentato al Ministro dei Trasporti e al ministro dell’Interno un’interrogazione per sapere “se ENAC, avendo effettuato tutti i dovuti controlli autorizzativi, intenda intervenire in modo autorevole per conoscere gli aspetti legati al ritardato avvio dell’insediamento produttivo, che sino ad ora è costato investimenti pubblici di non poco conto; se s’intendano approfondire le cause e finalità degli atti vandalici che rischiano di mettere la parola fine ad un’esperienza costata sino ad ora quasi 5 mln”.