Ultimi articoli

Chi è davvero Turin Aviation?

Chi è davvero Turin Aviation?

Nei mesi scorsi, una società che si è presentata sulla stampa come TURIN AVIATION ha affermato di essere pronta a investire qualcosa come 200 milioni di euro chiedendo di “acquistare” l’Aeroporto di Gorizia, che oggi è al 100 % di proprietà del Comune di Gorizia. Il Partito Democratico, davanti ad affermazioni di questo genere – mentre la Giunta Ziberna ha sembrato dare “credito” a tale investitore – ha voluto vederci chiaro e raccogliere informazioni su questo “investitore”. Qui potete scaricare il dossier che abbiamo raccolto:

Molte le domande per le quali esigiamo risposta: Chi c’è dietro Turin Aviation? Quali sono le effettivi disponibilità economiche degli investitori? Quali esperienza e credenziali dell’azienda?

  1. Quali garanzie è in grado di offrire il gruppo che si presenta pubblicamente come investitore in grado di muovere importi fino a 200 milioni di dollari? È stato presentata documentazione contabile che attesti l’effettiva presenza di disponibilità economiche tali da sostenere gli investimenti annunciati?
  2. Chi sono gli effettivi proprietari dell’azienda?
  3. Qual è l’esperienza di Turin Aviation nell’ambito aeronautico e, in particolare, nella gestione di operazioni aree complesse quali quelle rappresentate dalla gestione di un aeroporto con pista adatta a far operare aerei commerciali come il Boeing 737, evocato dagli annunci sulla stampa?
  4. E ancora: la società o i suoi amministratori hanno in essere procedure fallimentari o procedimenti legali di qualche tipo a loro carico per fatti rilevanti e connessi allo svolgimento di attività di volo e aeroportuali quali si desumono dalle notizie di stampa proveniente dagli Stati Uniti?

Il Partito Democratico non lascerà che l’Aeroporto venga eventualmente svenduto a condizioni poco chiare o operatori non affidabili. Esigiamo per il bene della città chiare garanzie e trasparenza dopo che, purtroppo, la società pubblica di gestione è stata portata sull’orlo del fallimento bruciando letteralmente centinaia di migliaia di euro di fondi pubblici.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime novità! x